Futuro Remoto

Compagnia del Birùn

  • Tipo di evento

    Teatro

  • Data

    domenica 21 luglio ore 20.45

  • Durata

    70 minuti

  • Ingresso

    Ingresso int. 10€ - rid. 6€ under 16 anni

  • Età

    Per tutti

Il maggiore Toselli e il colonialismo italiano dell’Ottocento in Africa Orientale

Il nuovo spettacolo teatrale originale e autoprodotto dalla Compagnia del Birùn si è sviluppato dal laboratorio curato dalle registe Gabriella Bordin e Elena Ruzza e dal progetto realizzato in collaborazione con l’associazione Almateatro di Torino per portare all’attenzione del pubblico un periodo triste e semisconosciuto della nostra storia nazionale e umana: il colonialismo italiano in Africa. La figura del personaggio storico peveragnese Pietro Toselli, maggiore pluridecorato che partecipò alle guerre di conquista dell’Eritrea alla fine dell’800, è lo spunto che permette di approfondire e interrogarsi sul fenomeno della colonizzazione: un aspetto della nostra storia con cui non si sono mai fatti i conti a sufficienza e che continua ad avere ripercussioni anche tragiche sul nostro presente e sulla libertà di tanti esseri umani. Come sarebbe potuto essere e come potrebbe essere la convivenza tra gli esseri umani sul nostro pianeta se si agisse nel rispetto della terra e dei suoi abitanti senza discriminazioni e strumentalizzazioni?

 

Spettacolo teatrale
Produzione: Compagnia del Birùn, 2024


Progetto realizzato in collaborazione con Almateatro di Torino


Regia: Gabriella Bordin, Elena Ruzza 

 

Costumi e sartoria: Polina Brysova, Rosella Sulas

 

Luci e fonica: Paolo Brizio — Idea e coordinamento Simona Grosso

 

Con: Maria Abbebù Viarengo, Micky Alberti, Erika Allena, Claudio Arecco, Paola Barosi, Lorenza Bernardi, Cecilia Brasher, Polina Brysova, Mirella Francolini, Diego Gaggero, Davide Gastaldi, Chiara Grosso, Simona Grosso, Marisa Lingua, Laura Mangioni, Celestina Mariano, Simone Massa, Laura Mattalia, Cinzia Mellano, Fabio Pittano, Greta Spada, Manuel Spada, Rosella Sulas, Erminia Toselli.

Compagnia del Birùn

La Compagnia del Birùn, Associazione Culturale e Teatrale, si è costituita a Peveragno (Cuneo) nel 1991 per allestire il “Birùn”, un’antica canzone sceneggiata della tradizione peveragnese che narra le vicende di un personaggio storico, Charles de Gontaut, Duca di Biron, Dordogne (1562-1602), il cui ritratto compare nel logo dell’Associazione. Amico del Re di Francia Enrico IV, condannato forse ingiustamente per tradimento, “Birùn” rifiuta la grazia del Re piuttosto di dichiararsi colpevole e nella sua dignità e nel suo orgoglio i peveragnesi si sono riconosciuti eleggendolo maschera rappresentativa del paese.

L’Associazione che da lui prende nome intende ricercare, recuperare, incrementare e promuovere il patrimonio della lingua, della cultura, del territorio e delle tradizioni locali principalmente attraverso il Teatro, inteso come forma primaria di comunicazione e di animazione collettiva.
Per le sue attività l’Associazione conta sui proventi delle quote d’iscrizione dei soci, sui contributi di Enti pubblici e di privati, sugli utili di iniziative stabili e occasionali e, non avendo fini di lucro, ogni suo bene, al netto degli oneri, viene devoluto per le finalità statutarie.È amministrata da cinque membri eletti ogni tre anni e conta sul contributo attivo di un’altra decina di soci.